CONCORSO NAZIONALE LETTERARIO DI POESIA "LILITH RIA"

1^ Edizione

 

LE POESIE VINCITRICI E FINALISTE

 

______________________________________
______________________________________

LE POESIE PREMIATE
______________________________________
______________________________________

DOVE NASCONO I PAPAVERI


diGiovanna Balsamo

1° PREMIO


Donne: fiori che colorano i prati della vita.
Donne: piccole stelle marine
che s'adagiano leggere sulla battigia.
Donne esposte alle intemperie:
esili, indifese, piegate dal freddo,
gelate da occhi di ghiaccio,
cedevoli sotto il peso
di carichi troppo pesanti.
Donne che raccontano storie
e troppo spesso lo fanno
abbassando lo sguardo.
Donne che supplicano pietà
sotto mani pesanti come massi.
Donne che provano dolore
e partoriscono amore.
Donne che nascondono il viso
sotto cappelli dalle larghe
falde per coprire lividi!
Donne deturpate e sfigurate
da possessive ossessioni.
Donne, spose bambine:
vittime di ladri di sogni.
Tante, troppe le donne di oggi,
di ieri, di domani
che tremano, temono, hanno paura,
lottano e muoiono.
Ma c'è un campo verde,
aldilà del visibile:
un'immensa distesa colorata di speranza,
dove giacciono i cuori
di tutte le donne ferite,
colpite, assassinate, massacrate.
Lì dove l'erba è bassa...
dove gli occhi ti bruciano...
dove ogni punto rosso ti pare sangue...
dove tutte le donne diventano fiori...
lì...dove ogni cuore respira amore...
è lì che nascono i papaveri.
______________________________________

LA LEGGENDA DELLA VITA


di Noushin Mohyeddin Kermani

2° PREMIO


Hai ricevuto l’Invito

Hai fatto la valigia sereno

Pronto per il tuo Ultimo Viaggio

Noi in piena ansia Lottavamo per non farti partire

Tu con la piena accettazione per obbedire all’Invito Celeste

Noi come un fiume inquieto

Tu come un mare calmo e silenzioso

Ogni nostro  sguardo trepidante moriva nei tuoi occhi sereni

Il tuo volto pallido e sofferente

Il tuo Spirito pieno di forza e dignità di fronte all’ultimo passo

Il tuo corpo pieno di “spine” e dolori

Tu pensavi a strappare “ le spine” della nostra sofferenza

Quella sera mi hai  stretta la mano nella tua

Mi hai sussurrato una canzone meravigliosa “ La leggenda della vita”

Le tue parole: Mia amata figlia, mio amore, vivi serena questa “leggenda “ pieni di misteri

Usa la tua sensibilità per comprendere meglio la vita

Papà, mio amato, ora sei tu “ La Leggenda “

Ora conosci tutti i misteri

Ogni sera chiudo gli occhi sperando di vederti

Ogni sera sogno di prenderti la mano

Ogni sera spero di sentirti sussurrare la canzone della  “ Nostra Leggenda “

Ogni sera spero tu venga a parlarmi dei “ Misteri “ sussurrando dolcemente nell’orecchio

Ogni sera………………………………………………………………………..
______________________________________

DONNA


di Pietrina Oggianu

3° PREMIO


E
  sarò donna...

quando non avrò paura di vestire ciò che mi piace,

e allo stesso modo vorrò togliere le mie vesti!

E sarò donna

Quando potrò osservare la luna , e lei non mi chiederà...

perché cammino sola di notte!

E sarò donna

Quando Saprò riconoscere un'orco vestito da principe,

e saprò dire no ai suoi tesori!

Poiché un castello non fa una principessa ne’ una corona  significa regina!

E sarò donna

Quando potrò fare l'amore

senza sentire violenza.

E sarò donna

Quando  potrò scaldarmi col sole e nessuno  mi chiederà di mostrare il mio corpo!

E sarò donna

Quando dopo essere stata stuprata...

nessun giudice mi chiederà:- Com'eri vestita?-

E sarò donna

Quando avrò il coraggio di gridare al mondo che non ho più paura

e voglio essere semplicemente...libera...

di essere una donna!


______________________________________
______________________________________

MENZIONI SPECIALI
______________________________________
______________________________________

QUEL SORRISO
di Tiziana Napoleone
MENZIONE SPECIALE


Lo amo figlio mio, e il più bel dono di Dio... 

lasciamelo godere nella nostra solitudine dei nostri abbracci,

assorbo questi istanti soIo per avere ricordi. 

Crescerai diventerai uomo, sarai preso da mille impegni, 

dalla tua famiglia, dai tuoi divertimenti, 

ma io avrò con me sempre quei momenti,

dove eri solo mio, dove io mi beavo dell’aroma del borotalco, del latte rigurgitato. 

Qui poggiato coI visino sul mio petto, dove ogni battito del mio cuore 

ti sussurra ninna nanna amore. 

Tu dimenticherai, potrò essere soIo io a rivangare quei ricordi

a te sconosciuti,

ma tu troppo grande non vorrai sapere

ti sentiresti Sminuito forse, come ora fai con me

trattandomi da bimba petulante fastidiosa che dimentica
ogni cosa.
______________________________________

AMORE ASSOLUTO NASCI
di Franco Peritore
MENZIONE SPECIALE


Amore assoluto, chi ti ha mai conosciuto?

Amore assoluto, cercato e fuggito.

Amore assoluto, desiderato e temuto.

Amore assoluto, fonte di gioia e di dolore.

Amore assoluto, per te si ama e per te si odia.

Amore assoluto, per te ci si sente liberi e prigionieri.

Amore assoluto, ti esaltano poeti e preti e ti maledicono chi hai ferito e abbandonato.

Amore assoluto, sei veramente di questo mondo? 

Amore assoluto, qualcuno ti ha incontrato ed è felice.

Amore assoluto, qualcuno ti ha incontrato ed è in prigione.

Amore assoluto, qualcuno ti ha incontrato ed è guarito.

Amore assoluto, qualcuno ti ha incontrato ed è impazzito.

Amore assoluto, come può viverti una donna?

Amore assoluto, come può viverti un uomo?

Amore assoluto, sei come un bambino in grembo che si aspetta con gioia ed ansia.

Amore assoluto, nasci ogni giorno, nella gioia e nella paura.
______________________________________

DI NOI
di Nadia Marra
MENZIONE SPECIALE


T
i parlerò con labbra di burro

e mangerai parole affamate.

Toccherai un cuore,

succhierai nuvole come zucchero filato.

Ti perderai in un lago di emozioni,

avrai sangue e fumo. 

Sguardi intensi e tremiti. 

E infine la pace sussurrandoti
ti amo.
______________________________________

PALUDE
di Sanam Naderi
MENZIONE SPECIALE


È silenziosa, inerte e immobile, questa palude opprimente,

Questa società arida e disprezzata.

Un luogo che non ha spazio per le anime umane, né per le anime degli orchi, né degli elfi. 

La figura confusa e bugiarda di questa terra è la stessa definizione della sua natura corrotta. 

Di notte, la palude della morte dipinge di verde l'immagine irregolare dell'umanità,

e di verde brilla una luce maledetta, riflettendo l'immagine delle sue creature uccise. 

Non inseguire la luce!

La luce ti guida verso la realtà dell'esistenza dei morti,

verso la realtà delle anime intrappolate nella palude fetida e corrotta dagli esseri umani viventi a due gambe,

ed è in quel momento che capisci che sono stati maledetti, e anche tu ne fai parte. 

Perché cerchi la luce?

Questa figura confusa e bugiarda,

Questo insieme oscuro e intricato è la tua stessa natura. 

Perché cerchi la luce?

Noi siamo abituati alla palude,

La morte graduale è preferibile a una bella, intensa e breve vita! Questo luogo freddo è la nostra terra! 

Non inseguire la luce!

Non inseguire la luce!


______________________________________
______________________________________

LE ALTRE FINALISTE
(In ordine alfabetico dell’autore per cognome)
______________________________________
______________________________________

AMORE ASSOLUTO
di Elisa Argenti


Assoluto è il cielo nero
del mio pianto testimone
ma l'amore non è vero
resta solo un'illusione.
I miei sogni han rubato
tutto in me ora è dolore
maledico quel ch'è stato
nelle mie ultime ore.
Vi nutrite di chimere
inseguendo un'utopia
di parole menzognere
nell'amor non c'è magia.
Solo tenebra e agonia
la speranza ormai svanita
a tenermi compagnia
solo un alito di vita.
E nell'ora mia fatale
protendendomi all'oblio
un pensiero sol mi assale
non esiste alcun Dio.
Ma nel vuoto del dolore
tra le grida ed il pianto
sento infine la sua voce
il suo amore, il suo canto.
Assoluto è il mio destino
Dove Lui mi guiderà
Assoluto è il suo amore
l'infinita eternità.

______________________________________

PERCHÉ?
di Elisa Argenti


Nella bocca sento il sangue
nelle nari il suo fetore
il mio corpo inerte langue
tremo preda del terrore.
La sua mano come un maglio
che si abbatte su di me
nel mio cuore s'apre un taglio
e il mio grido è "Perchè?"
Lui mi spezza, mi percuote
i miei sogni porta via
i singhiozzi son le note
d'una atroce sinfonia.
Implorarlo non ha senso
non è uomo ma è animale
su, uccidimi io penso
poni fine a questo male.
Ma nel fondo del mio cuore
una cosa adesso so
brucia eterno il mio furore
uomo mi vendicherò.
______________________________________

STRINGIMI FORTE LA MANO
di Giovanna Balsamo


Quando invecchierò, 

guardami con la stessa emozione che provi,

quando vedi il sole tramontare.

Fermati ad ammirare i miei rossi, i miei arancioni,

i miei gialli...che si mescolano con l'azzurro del cielo.

Quando il sole va a dormire,

cercami nel buio della notte: sarò la tua luce.

Quando il nuovo giorno nasce, cercami all'ombra

di una grande quercia: sarò la tua frescura.

Amami all'imbrunire e quando i miei capelli

avranno il colore della luna,

accarezzami il capo e disperdi le mie nubi;

affinché non si trasformino in pioggia.

Amami anche d'inverno e quando i miei rami

saranno secchi e spogli...tu dammi acqua

e disseta la mia anima; affinché non inaridisca.

Se ho freddo coprimi di abbracci,

se tremo riempimi di baci.

Dimmi che mi ami: dimmelo con gli occhi,

dimmelo con il cuore.

Se mi allontano avvicinati, se non ci sono cercami.

Guardami ogni giorno con la stessa emozione

che provi quando vedi sorgere il sole.

Al calar della sera, salutami con

un arrivederci e mai con un addio...

perché per te ritornerò sempre:

sarò il tuo raggio di sole,

la stella più luminosa del cielo.

Come due alberi, uno accanto all'altro,

con le chiome al vento e con salde radici...

ci sorreggiamo nel viale della vita.

Il giorno in cui un vento violento

si abbatterà su di noi...se vedi che ho paura...

stringimi forte la mano.
______________________________________

QUESTO AMORE
di Susi Ciolella


Questo amore
Così grande
Come un sogno da afferrare
Lo tengo stretto
Non so lasciarlo andare
 Questo amore così fragile
come un fiore da curare
Lo accarezzo
lo sfioro, ho paura che fa male
 Questo amore
Sei tu
Sono io
È una passione che ci fa vibrare
 Questo amore
ci fa sentire abbandonati
è pioggia è sale
È un' alba da immaginare
 Questo amore
è altro, è oltre
È un ciliegio in fiore
______________________________________

LA STORIA D'AMORE PIÙ BELLA DEL MONDO
di Cristina De Feiici


in amore ci vuole arte, in arte
ci vuole infinito amore
______________________________________

L’AMORE
di Maria Elisabetta Iorianni


L'amore vero
non teme le  distanze :
si rafforza,
non conosce ostacoli:
li supera,
non teme le altre persone:
non contano.
Ci siamo incontrati perché doveva succedere,
e
anche se non fosse stato quel giorno,
sicuramente ci saremmo incontrati da qualche parte,
ci siamo ricorsi per tanto, troppo tempo,
ed ora è giunto il nostro momento: l' universo intero ha tramato per il nostro incontro,
e quando cadranno le stelle io esprimerò un desiderio, ma sarà inutile
perché il desiderio è stato e sarà sempre lo stesso: voglio te.
Perché tu,
amore mio,
anche se in questo momento siamo lontani ,
ricordati che ti amo,
e,
ti amerò sempre
perché tu sei l'ultimo amore della mia vita:
il più  importante!
______________________________________

AMBROSIA
di Morena Mancinelli


Quel profumo della pelle.
Lo spargi ovunque come la voce di domenica mattina.
Nelle stanze di sole e quiete.
Di giocattoli esplosi, di segreti raccontati.
Di gioie improvvise e di tristezze appena accennate.
Ne sono impregnate le narici, il cuore, la pancia. La mente, che su di te dice sempre la verità.
Tu, che io ti ho partorito, ma somigli a un'altra che non conosci. Con cui non parlerai mai, ma di cui
abiti un futuro che lei non ha.
Tu che ridi con una bocca che hai rubato a qualcuno che non hai amato.
Tu che quel profumo di pelle, lo hai soprattutto sula pelle del collo.
In quella piega che è una frazione di secondo tra uno sguardo e un sentimento.
Tu che non sai quasi nulla, eppure disegni tutto.
Chi sei tu.
Che chiedi solo di essere voluta.
Che perdoni.
Che per il rancore non hai abbastanza memoria.
Che ignori il rispetto, eppure sei l'essere umano più onesto.
Che sei limpida proprio come quel sole che la domenica ti entra nella cameretta, senza chiedere permesso.
Tu, che mi riconosci da un battito di cuore mentre io ho saputo che eri tu da un battito di ali.
Tu, che come farfalle.
______________________________________

LA NOTTE
di Morena Mancinelli


Quel faccino che sfida le coperte.
Le tiri su, anche in estate perché non puoi dormire senza allontanare il mondo.
Allora io spengo la luce.
E da sotto alle coperte vedo brillare i tuoi occhi.
Verdi.
Sinceri.
E ti faccio una carezza sulla guancia.
E ti tocco il naso con un dito.
E tu, sorridi.
Ti dico "ti amo".
"Si", rispondi.
(Come per dire: "Lo so”.
Giri la testa di lato e mi baci la spalla
"A domani”.
Mentre tu già dormi.
______________________________________

MARI
di Morena Mancinelli


Loro parlano
ma io non li sento
le loro parole
come coni di ghiaccio appuntito
- rovente -
trafiggono le solitudini del mio passato
ronzi
vertigine
tormento
poi tu
con un sorriso indifeso
e l'odore di fiocchi di cotone.
...d'amore
______________________________________

NATALE IN VIA CONDOTTI
di Nadia Marra


Accumulatori di emozioni

Accumulatori di ricordi.

Buste dell’anima piene di frammenti, luoghi e nomi 

Ormai in disuso.

Ante del cuore

Che non aderiscono più,

stracolme di fagotti emozionali,

stipati alla rinfusa o in scatole decorate.

Non filtra l’aria ,non passa luce.

Accumulatori di non si sa mai.

Come quell’ abito che ci si ostina a conservare, 

benché coscienti che non saremo più in grado di indossarlo. 

Perennemente a dieta,

di emozioni voracemente affamati.

E allora ormai al bivio, 

raccogli il superfluo,

lo impacchetti per bene e allargando le braccia, lo getti via.

Un sol gesto, e senza voltarti indietro,

te ne liberi.

Liberi...!

Smontare l’impalcatura dei sé,

aprire il cuore,

far entrare luce nuova e finalmente respirare.

Di sole e di luna

Riuniti.
______________________________________

SCINTILLE
di Nadia Marra


Rubiamo momenti,

a una vita che và,

troppo veloce,

troppo in là.

Tu pensi di vivere in pieno vita la vita,

ma basta un’attimo ed è già finita.

Ne incontri di volti in questo viaggio,

chi ti si siede accanto e chi sparisce come un miraggio.

Dare un valore ad ogni momento,

è forse questo l’insegnamento?

Quando tutto va bene ci sentiamo potenti,

e invece siamo solo di questo mondo scintille differenti.
______________________________________

ANGELI
di Tiziana Napoleone


mi hai ucciso per possessione. 

mi hai malmenato per infliggermi il tuo dominio. 

hai distrutto il mio futuro.

mi hai reso debole, mi hai tolto alle persone che nm amavano. 

hai reso i miei figli orfani, li hai resi deboli perché assistevano ai tuoi scatti d’ira.

hai insegnato loro ad odiare.

tu la persona che doveva insegnare loro amore. 

ed io che non ho capito che dovevo andarmene

e invece sono rimasta con la presunzione di cambiarti

per paura del domani per le tue minacce, 

ecco... ho pagato con la vita l’averti amato.
______________________________________

DONNE
di Tiziana Napoleone


siamo donne ... forgiate per soffrire ... ricordate questo uomini.
siamo sexy per chi vogliamo,
siamo cattive se dobbiamo,
siamo amorevoli.. materne con tutti ...
siamo donne sincere se vogliamo, bugiarde quando e’necessario.
abbracciamo sempre cause perse ... convinte sempre di cambiare il mondo ...
ma il mondo cambia sempre a noi.
forse aperte al dialogo, a volte mute,
a volte logorroiche, tentiamo e ritentiamo per salvare situazioni...
ma poi diciamo basta, e ci nascondiamo per non sentir ragioni,
insomma siamo donne.
chi ci capisce tocca il cielo con un dito,
chi ci ignora poi si dovrà pentire, per tornare sui suoi passi.
ma noi già guardiamo avanti.
 ______________________________________

LIBERA
di Pietrina Oggianu


Adesso guardami; sono una donna, ho spiccato il volo, e di una gabbia è rimasto solo un ricordo.

Un ricordo che fa male all'anima, come lame sottili che tagliano la carne, così nei miei ricordi...ricordo la mia anima soffocare.

Adesso guardami; sono una donna, ho spiccato il volo, nuovamente libera, sorrido col cuore non più con il corpo.

Guardami; sono una donna, quando gioco rotolandomi su un tappeto che vuol dire casa, quando gioco con le onde del mare, e come una
Bambina lascio che il mio corpo si faccia coccolare.

Adesso guardami; mentre sorrido al mondo, ed il mondo non mi ha dimenticata, mentre mi commuovo allo sbocciare di un fiore,
Guardami; quando regalo ancora amore, quando pensavo di non averne più.

Guardami; sono una donna,  che si lascia accarezzare dal sole, che ascolta nuovamente il calore del suo corpo, nuovamente viva, libera,
Respiro aria finalmente pulita...
Guardami; ho spiccato il volo.

Sono una donna...

Mi sono rialzata...

E tu...
 Non potrai più scalfirmi!
______________________________________

UNO SCHIAFFO E UNA ROSA
di Lorenzo Gabriel Paoletti


Sono quello che si addormenta con te

Che ti chiede scusa dopo uno schiaffo

Non rendendosi conto del male che ti faccio.

Ti regalo una rosa per chiederti perdono ma

Perdono per uomini come me non ci devono essere
Magari nella stanza accanto c’è anche nostro figlio che
Dorme o forse fa finta

Per non sentire il peso di questa realtà.
...
ed ciò è quello che ho provato per anni

Io, figlio di un padre violento

Che con tenacia ho provato a fare l’opposto

Ma dentro di me odiavo mio padre

Che chiedeva scusa a mia madre

Ma una rosa non può togliere il dolore

Di una violenza carnale

Perché anche un semplice schiaffo

Non è amore

È violenza.
...
e mia madre che fa finta di nulla
difende il suo aggressore
tante volte ho provato

A farla ragionare

Ma niente, preferisce chi

Le chiede scusa dopo uno schiaffo
Non arrendersi al male che le fa.
Uno schiaffo e una rosa
Violenza e galanteria

Che in questo caso sono distanti uno dall’altro.
______________________________________

DONNA È LE SUE POSITIVITÀ
di Isabella Papagna


donna, amante della vita,

si distrugge, con i pensieri inascoltati.

quanto dolore inconscio c’è, nella propria anima.

se il saluto e la pace,

offre il posto al rispetto all’amore e all’amicizia.

perché il vocio inascoltato rimane assente alla società???

siamo dolci e tenere ad ogni avvenimento,

però l’impeto ci trascina e ci spinge a ribellarci,

usiamo il senso materno, perché portatrici di fraterni abbracci,

idee profonde che si valutano con l’esperienza.

la donna è l’emblema di un circolo vizioso. a qualsiasi età,

niente di trascendentale può sopprimere la forza innata,

il suo sapere e le sue difficoltà , affrontano l’estrosità.

chiunque tu sia... lotta sempre per ottenere un pensiero eterno.
______________________________________

IMMENSO È L’AMORE
di Isabella Papagna


l’amore è eterno, immenso quanto l’universo.

amore è nascita, evoluzione della materia,

distinguendosi   nell’affetto, nel rispetto con il sociale.

nessuno evade dall’amore corporeo,

perché in ognuno esiste la positività del vivere.

amarsi è associare le diversità,

convivere gli eventi che siano infelici o allegri.

se ognuno amasse l’altro senza invidia e ipocrisia,

vivremmo il vero amore come un girotondo che rallegra il cuore,

l’incontro e il cordoglio di chiunque, è sempre amore,

in quanto nulla al caso svanisce, senza una lode all’evento.
______________________________________

UNA MADRE
di Anna Rita Povinelli


Mi accorgo che sei uscita fuori di me
quando non sarà un mio abbraccio a dissolvere i mostri
o un bacio a scacciare il dolore,
quando non sceglieró il tuo vestito
e non saró io il tuo cuscino.
Nel mondo che ti accoglie, ti avvolge e ti stravolge,
mi guardi con le labbra increspate
ed i capelli scompigliati dal vento,
con gli occhi stanchi e a volte persi,
ed io non posso più proteggerti
tra le braccia che mi sembra di avere al solo scopo di stringerti.
Provo a renderti libera  
per lasciarti difendere,
per lasciarti sorprendere
senza paura di lasciarti andare
senza paura di lasciarti amare.
Ti lascerai vivere dagli errori e dai dolori,
dai sapori, dalle gioie, dagli odori,
da una vita che godrà della tua unicità
e di cui godrai nella tua unicità.
E quando la tua anima in volo sarà torturata e stravolta
ogni volta cadrà fuori e dentro di me.
E mi accorgo che sei uscita fuori di me
perché ogni tua lacrima ed ogni tua risata
esce da te e rientra in me.
Sei te senza di me,
ma ogni volta che mi guardi trovo te in me.
E ogni volta che ti guardo trovo me in te.
Sei uscita fuori di me,
ma sei irrimediabilmente nella parte più profonda di me.
______________________________________



ELENCO DELLE POESIE PREMIATE
CON I RELATIVI VOTI E LE MOTIVAZIONI DI VOTO